Mutui Convenienti

Mutui convenienti: da sempre, ma in special modo dopo le recenti vicende legate alla crisi dei mutui USA, tutti prima di accendere un mutuo, fanno molte ricerche con gli strumenti che internet mette a nostra disposizione per la ricerca, la verifica e il confronto delle varie tipologie di mutui presenti sul mercato.


Alla ricerca quindi dei mutui convenienti, quelli insomma che al momento, costano di meno come interessi, magari che diano il più possibile una garanzia di stabilità nel tempo, per pianificare con serenità tutte le varie spese fisse familiari.

Novità Mutui convenienti: molti sono i parametri che ci consentono di scegliere un mutuo sulla base della sua convenienza; innanzitutto il tasso di interesse, variabile o fisso, deve essere concorrenziale; altri punti molto importanti, ai quali però spesso nessuno pensa, sono le spese di istruttoria, gratuite per alcuni istituti bancari ma molto costosi per altri; lo stesso discorso vale per le spese da sostenere per la perizia e per la polizza obbligatoria, che presso alcuni istituti può essere gratuita o meno costosa di altri.

Un ultimo fattore che potrebbe far scendere ulteriormente il costo di un mutuo è il costo del bollettino o rid utilizzato per il pagamento: infatti, sebbene la spesa sembri irrisoria, specie nel caso di mutui molto lunghi un solo euro in più al mese può avere pesanti ripercussioni sui costi finali.


Per poter scegliere il mutuo più conveniente bisognerebbe sempre recarsi presso diversi istituti di credito al fine di ottenere il numero maggiore possibile di preventivi da confrontare, per decidere qual’è il miglior mutuo per ogni persona. Su internet, inoltre, sono presenti diversi strumenti che permettono di verificare la convenienza di un mutuo. Se invece volete calcolare la rata che andrete a pagare con il mutuo, allora potete scegliere uno dei tanti strumenti di calcolo della rata del mutuo.

Tra le variabili che bisogna guardare per capire se un mutuo è conveniente oppure no, dobbiamo guardare la finalità del mutuo, dato che i mutui per la prima casa potrebbero essere più convenienti rispetto a quelli per la seconda casa, la destinazione del mutuo, il tasso di interesse applicato, il costo delle spese di istruttoria e il costo della perizia, il costo delle polizze assicurative obbligatorie, le garanzie che chiede la banca per poter accendere un mutuo, la penale di estinzione e le spese iniziali di accensione del mutuo stesso.