Mutuo Casa

Mutuo casa: richiestissimi i mutui per l’acquisto della casa, anche se dopo i recenti avvenimenti legati al fatto dei mutui subprime americani si è creato un certo allarme che ha comunque riguardato in maniera marginale le banche Italiane.


Di certo in questo momento se dobbiamo trovare un buon mutuo casa, staremo più attenti a valutare se prenderne uno a tasso fisso o a tasso variabile, visto che il fisso rimarrà così anche se i tassi caleranno e il variabile può aumentare ancora nel caso di aumento dei tassi di riferimento.

Novità mutuo casa: buone notizie per chi sta per accendere un mutuo: da quest’anno è possibile detrarre dall’Irpef gli interessi passivi (e gli oneri accessori) pagati per un mutuo contratto con soggetti residenti nel suolo italiano o di uno stato membro dell’UE; le spese possono essere detratte nella misura del 19% e fino ad un importo massimo di 2.582,28 euro.

Dello stesso privilegio potrà godere anche chi avrà acceso un mutuo per la costruzione di fabbricati rurali che fungano da abitazione per i coltivatori diretti, cioè la magione in cui il coltivatore dimora insieme con la famiglia. Tali detrazioni potranno essere cumulate con quella riguardante gli interessi passivi di mutui per l’acquisto della prima casa.


L’acquisto o la ristrutturazione di un immobile sono le motivazioni più frequenti per le quali si richiede un mutuo. Per poterne fare richiesta bisogna avere a disposizione alcuni documenti necessari, come ad esempio quelli che attestato l’identità del richiedente e quelli che invece ne attestano la patrimonialità, ad esempio una busta paga o il modello dell’ultima dichiarazione dei redditi.

Per chiedere un mutuo casa bisogna recarsi in banca e farne richiesta. Entro un mese circa, qualora la richiesta fosse accettata dall’istituto di credito, ci verrà accreditata la somma richiesta.

Con un mutuo casa è possibile acquistare un immobile, sia già esistente che in fase di costruzione, oppure ancora ristruttura un immobile che sia già di proprietà.

Nella scelta di un mutuo per la propria casa bisogna tenere presenti diverse variabili, come ad esempio il tasso di interesse, che può essere fisso oppure variabile, la durata del mutuo, le modalità di rimborso delle rate e la frequenza delle stesse, se ad esempio sono mensili, trimestrali oppure addirittura semestrali.