Prestiti Personali

Recentemente alcune tipologie di prestiti, come ad esempio la cessione del quinto, è stata estesa anche ad alcune categorie come i pensionati sia INPDAP, che INPS, che IPOST. Per richiedere prestiti personali è di fondamentale importanza, rivolgersi ad istituti bancari e finanziari di provata serietà, che possano offrire contratti e condizioni il più trasparenti possibile.


Novità prestiti personali: tra le novità applicate da numerose agenzie di finanziamento e banche, vi è l’innalzamento dell’età entro la quale viene fissata l’ultima rata per la restituzione del prestito personale: questo sia per venire incontro alle sempre maggiori esigenze dei pensionati che, purtroppo, negli ultimi anni hanno visto calare enormemente il potere d’acquisto delle loro pensioni, che per l’incremento della vita media.

Ricordiamo infine che le somme richieste sotto forma di prestito personale non vanno giustificate, e possono essere spese per qualunque necessità.

I prestiti personali sono la più classica forma di prestito che è possibile ottenere. Nello specifico i prestiti personali possono essere una forma di prestito finalizzata oppure non finalizzata.

Nel primo caso il prestito viene concesso specificatamente per l’acquisto di un oggetto, come ad esempio un macchina oppure un computer nuovo.

Mentre nel secondo caso il prestito viene concesso senza dover fornire alcuna spiegazione sul suo utilizzo. Per poter chiedere un prestito personale bisogna farne richiesta presso una banca oppure presto una società finanziaria.


Le condizioni che solitamente vengono chieste per poter avere accesso ad un prestito personale sono: essere maggiorenni; essere residenti in Italia; essere occupati.

L’ultima condizione è necessaria ma prevede varie alternative, per il motivo che le aziende offrono, ad esempio, dei prestiti a dipendenti, dei prestiti a lavoratori dipendenti, oppure anche prestiti a pensionati.

La condizione fondamentale è dimostrare di avere un reddito con il quale poter rimborsare il prestito. Per poter rimborsare un prestito personale è possibile scegliere tra pagamento tramite bollettini postali oppure pagamento tramite RID, ovvero addebbito diretto sul conto corrente.

I prestiti personali solitamente vengono concessi fino ad un massimo di 30.000 euro e per una durata solitamente variabile tra 12 e 120 mesi, ovvero 10 anni.